INFO: YOU CAN CLICK ALL THE PHOTOS TO ENLARGE THEM FOR A MUCH CLEARER VIEW

giovedì 30 agosto 2007

BIGKUGELS PHOTOGRAPHIC - 19th & 20th Century Vintage Nudes & Erotica - BRUCE of LOS ANGELES

Bruce Bellas, better known as Bruce of Los Angeles, was a school teacher in Omaha Nebraska before he motored West. He came to specialize in photographing Southern California bodybuilders like Keith Stephens and Bob Mucci, popular celebrities like Ed Fury and Hollywood street trade like the young Joe Dallesandro. A prolific photographer and distributor, Bruce created some of the most classically beautiful and collectible images of the mid-20th Century.

Brian Idol circa 1960s


Marc Nixon 1950s


Model with Column


Bob Storm 1950s


lunedì 27 agosto 2007

NORM YIP - FINE ART PHOTOGRAPHY

Norm Yip was born and raised in Canada by Chinese parents. He received his B. of Arts degree (cum laude) in 1984 at the University of Saskatchewan and his B. of Architecture degree in 1989 at the University of Toronto.

In 1994, he moved to Hong Kong where he worked as a project architect for Wong & Tai Associates Ltd and RTKL International Ltd before pursuing his interest in art and photography. In 1999, he co-founded the organization art collective Meli-Melo Artists Alliance (MMAA), to which he curated numerous art exhibitions with artists from Canada, Thailand and Hong Kong.

Eventually in 2001, he formed Norm Yip Photography and set up Studio 8 -- a semi-public photographic and art space located in the heart of Sheung Wan -- where he hosted private and selected exhibitions. Since then, he has exhibited in all three mediums of photography, acrylic painting and graphite.

As a photographer, Norm's work has appeared in HK Magazine, WHERE, Global Investor and American Express' Centurion magazine. Celebrities he has photographed include Zhang Yimou, Jennifer Lopez, Ricky Martin, Destiny's Child and Korean pop-star Rain.

To many, Norm is recognized for his fine art photographs of beautiful and sensuous Asian males. His work has been featured in 2Blue and Dreamboys 2, both special edition of Blue magazine, known for it’s excellence in fine art male photography. In 2005, Norm self-published “The Asian Male - 1.AM” – a photography book featuring nude and semi-nude images of Asian men that he photographed over a period of five years from 2000-2005.


The exhibition ‘Skin Deep’ is his first exhibition featuring new images of the male nude since the release of his photography book.

Forthcoming projects include the second edition to the ‘Asian Male’ series (to be published January 2007) and a photography book on China gymnasts (to be published August 2007).

venerdì 24 agosto 2007

Aarinfantasy - Sensitive Pornograph (Episodio2)

Esistono vari anime che parlano di amori tra ragazzi, ma spesso sono molto blandi in fatto di scene esplicite; qui abbiamo un anime di 31 minuti (compresa sigla finale) tratto da un manga di Sakura Ashika (Volume del 2004 pubblicato dalla June Comics) dal medesimo titolo. Tale manga comprende 6 storie (di cui è possibile reperire le scanlations grazie al gruppo di), questo anime ne ha prese in considerazione 2 e noi proviamo a vedere un pò cosa ci raccontano.

La seconda storia tratta di un pet-sitter Ueno a cui viene affidato l'incarico di occuparsi di un "coniglio" (Aki), viene contattato dal padrone "dell'animaletto" per mail e poi per telefono e gli viene indicato dove andare e come entrare nell'appartamento. Ueno è una persona ingenua e dolce che ama molto gli animali ed è quindi felice dell'incarico affidatogli. Ma, quando arriva nell'appartamento del coniglio non c'è traccia, lo chiama, lo cerca, fin quando non sente dei tonfi in un armadio, incredulo (non è possibile che la povera bestiola sia stata rinchiusa li) apre l'anta e...

www.aarinfantasy.com

per vedere il primo episodio cliccare qui





domenica 19 agosto 2007

I BRONZI DI RIACE

Scoperti nel 1972 nel mare Ionio a circa trecento metri dalla costa, i "BRONZI DI RIACE" devono il loro nome al comune di Riace, in Calabria, nei pressi del quale sono stati casualmente rinvenuti. Adagiati sul fondo marino a circa trecento metri dalla costa (la prima in posizione supina e l'altra quasi carponi) i due guerrieri sono stati recuperati e trasportati nel museo di Reggio Calabria, dopo una serie di episodi tragicomici.
Eccezionali opere d'arte probabilmente di scuola attica, sono da ritenersi fondamentali per lo studio e la conoscenza della tecnica di scultura greca della meta del V sec. a.c.
Le statue alte circa due metri rappresentano due figure virili nude, originariamente armate di scudo e lancia. Eleganti sagome fra l'umano e il divino, ricche di vitalità, "i bronzi" sono di gusto raffinatissimo e vanno colocati in uno dei periodi più splendidi della civiltà greca. Attribuiti dai più alla scuola di Fidia potrebbero raffigurare Castore e Polluce o personaggi realmente esistiti.
Gli studi fatti sugli stessi hanno permesso di accertare che il braccio destro di uno dei bronzi non faceva parte della statua in principio ma è stato saldato ad essa successivamente. Le due figure non sono interamente in bronzo: i denti della prima statua e le ciglia di entrambe sono d'argento, le labbra e i capezzoli di rame, gli occhi sono stati realizzati con vari materiali. Infatti osservando l'unico occhio superstite di una delle statue si può notare come per le cornee siano stati usati avorio e calcare mentre per iridi e pupille paste vitree e forse anche dell'ambra.
I lavori di restauro delle due statue iniziati a Reggio C., sono stati perfezionati e completati a cura della Soprintendenza alle Antichità della Toscana.
Attualmente i bronzi si trovano in una sala del Museo Archeologico di Reggio Calabria.

venerdì 17 agosto 2007

BELASCO COMIXXX








RUNDU.COM

How would you like classy, yet daring African-American images that add flair and style to all of your walls, from the bedroom to the boardroom? From stunning prints, to a spectacular coffee table book, and oh so erotic calendars, Rundu.com has a product especially for you. Take a look around. Rundu.com offers several free goodies including an advice column, erotic poems and stories, screensavers and fantastic combo deals on our products. Visit Rundu.com.











lunedì 13 agosto 2007

KILT: una gonna per essere uomini.

Il kilt è il modello di gonna più “potente” e duraturo della storia, che per alcuni stilisti come Vivienne Westwood, Dries van Noten e Gaultier, ha rappresentato il simbolo di una naturale e disinibita mascolinità, rimasta nella storia del costume fino ai giorni nostri, come dimostra l’annuale manifestazione Dressed to Kilt (www.dressedtokilt.com), iniziata nel 2003, e dalla quale è tratto il video che trovate in basso. Forse meno romantica di quanto si immagini, la storia del kilt è comunque curiosa e interessante. Quello che appare come un colorato e folcloristico gonnellino, tanto più insolito perché indossato dagli uomini, è in effetti il simbolo di una nazione battagliera e orgogliosa, la Scozia. L’origine di questo indumento è certamente da ricercare nelle Highlands, ma non in epoca tanto remota come si potrebbe credere. Intorno al 1730 quella parte del territorio scozzese era una colonia irlandese, povera e ostile; i veri scozzesi abitavano le Lowlands. Quando gli inglesi iniziarono a sfruttare le foreste scozzesi presero a lavorare molti highlanders nelle fornaci che producevano carbone. L’abito di questi, che fino ad allora erano stati semplici pastori guerrieri, consisteva tutto in un plaid, una pezza rettangolare di stoffa lunga circa cinque metri, che veniva drappeggiata intorno al busto, poi intorno alle gambe e fissato in vita da una cintura. Nella seconda metà del ‘700, fu quello il momento in cui il cosiddetto «grande kilt» subì un’evoluzione in funzione di un più pratico utilizzo. Venne eliminata la parte superiore e rimase un gonnellino tenuto dalla cintura. Il «kilt piccolo» così ottenuto pare nacque dall’idea di un magnate anglosassone, tale Rawlingstone, che riteneva che i suoi dipendenti avessero bisogno di una maggiore libertà di movimento per svolgere il lavoro. Dopo la sconfitta di Culloden nel 1746, con il Disarming Act il kilt, indumento tipico degli highlanders, fu messo al bando e per almeno una cinquantina d’anni non fu più indossato. Ne rimase traccia solo presso i reggimenti delle Highlands i cui soldati, necessariamente immuni dal Disarming Act, lo indossavano (e lo indossano tuttora) orgogliosi quando combattevano nell’esercito britannico. Verso fine secolo, abrogata la legge che proibiva l’uso del kilt, il fascino di quello che ben si adattava ad essere il simbolo di una nazione che non si arrendeva, fu riesumato da nobili e intellettuali, che ne fecero realizzare versioni raffinate. Il quotidiano The Times spiega che la tradizione secondo cui un vero scozzese non deve indossare nulla sotto il kilt è di origine militare. "A tutti i soldati che portavano il kilt era proibito recarsi ai piani superiori di autobus e tram per non spaventare le donne. Ogni giorno il reggimento veniva ispezionato da un ufficiale che con uno specchio, come se stesse verificando la presenza di una bomba
sotto un'automobile, guardava sotto al kilt. Quelli che venivano scoperti con la biancheria addosso venivano spediti a cambiarsi", ha raccontato l'ex soldato Bill Smith.

sabato 11 agosto 2007

SEX IN A CALEIDOSCOPIO 2

I created this video from a porn movie of the 80's.

video