INFO: YOU CAN CLICK ALL THE PHOTOS TO ENLARGE THEM FOR A MUCH CLEARER VIEW

venerdì 29 giugno 2007

Aarinfantasy - Sensitive Pornograph (Episodio 1)

Cover dell'anime & Cover del Manga.

Esistono vari anime che parlano di amori tra ragazzi, ma spesso sono molto blandi in fatto di scene esplicite; qui abbiamo un anime di 31 minuti (compresa sigla finale) tratto da un manga di Sakura Ashika (Volume del 2004 pubblicato dalla June Comics) dal medesimo titolo. Tale manga comprende 6 storie (di cui è possibile reperire le scanlations grazie al gruppo di Nakama), questo anime ne ha prese in considerazione 2 e noi proviamo a vedere un pò cosa ci raccontano. La Prima storia tratta un amore nato tra due mangaka, Yamada Seiji (22) e Hanasaki Sono (32, famoso autore di manga yuri, da tutti - Sono è un nome femminile - creduto una donna). L'anime inizia con un'intima scena tra i due protagonisti, dopo avvengono le presentazioni ed il racconto del loro primo incontro e della successiva relazione nata tra i due. Sono è una persona molto disponibile e carina e Seiji è innamoratissimo, ma, casualmente, una sera scopre che l'altro...
Se piacciono le scene esplicite (con suoni altrettanto espliciti) vale senza dubbio la pena di guardarlo, anche perchè l' animazione non è male, e le vicende di sfondo sono carine.
La fedeltà al manga è altissima (stesse scene, stesse battute), così come lo è lo stile grafico, che risulta persino migliore che su carta (in particolare è apprezzabile l’“irrobustimento” del fisico degli uke, che nell’OAV appaiono più virili). Nel complesso, si tratta di un prodotto leggero e piacevole, molto ben disegnato, dotato di una trama sufficientemente consistente a distinguerlo dai film porno o da altri prodotti d’animazione yaoi. Nella prima storia, di cui riporto la scena di apertura, ci sono anche un paio di momenti veramente dolcissimi. (Presto parlerò anche del secondo episodio, per il momento godetevi il filmato!)



giovedì 28 giugno 2007

The Men of TOM JONES.

Just looking at guys has always delighted me more than i can rationally comprehend, and my art is a way of capturing and enriching this feeling for myself and of sharing it with others. Many of my images are of guys I’ve met in my travels. Then there are those taken from photographic images that seemed to want interpretation in another medium. But some of these images have come to life on their own, appearing seemingly ‘out of nowhere’. For me, all my men are magical, a blend of memories, emotions, tastes and smells. (Tom Jones)


Cum on.


Infrared.


Feetfirst.


Cowboy Roped.


Cowboy Portrait.


TOM BIANCHI - ON THE COUCH - TORONTO

mercoledì 27 giugno 2007

L'Eracle Farnese.

Credete che il bodybuilding e il culto dei muscoli siano una cosa moderna? Mi spiace deludervi. E' sempre più diffuso, purtroppo, l'atteggiamento di chi ignora o dimentica la storia perchè la ritiene un noioso elenco di date, luoghi ed eventi, privo di qualsiasi utilità. Tuttavia quando si pone l'attenzione sul culto del corpo, non si può ignorare la Grecia classica come diretta antenata della nostra cultura. I Greci anzi ne sapevano più di noi, vista la capacità di ottenere risultati di "quasi-perfezione" senza l'ausilio di macchinari e/o integratori alimentari. Ovviamente non potendo inserire in questo post fotografie di Greci vissuti in epoca classica, mi limiterò ad un esempio artistico, a mio avviso estremamente emblematico: L'Eracle Farnese.

Marmo. h. 3,17 m. (con la base).
Inizi III secolo d.C. (da un originale
bronzeo del IV secolo a.C.).
Da Roma, Terme di Caracalla.
Collezione Farnese.


Copia romana, firmata dall'ateniese Glýkon, di un modello bronzeo attribuito a Lisippo ed oggi perduto. La statua rappresenta il protagonista delle "dodici fatiche" colto in un insolito atteggiamento, di riposo: dopo aver prelevato dal giardino delle Esperidi i pomi d'oro, che tiene nella mano destra portata dietro la schiena, l'eroe, barbuto e nudo, con il capo reclino sul petto e lo sguardo rivolto in basso, appoggia il corpo dalla poderosa muscolatura sulla clava coperta dalla pelle di leone, lasciandovi ricadere quasi con abbandono il braccio sinistro. In netto contrasto con l'immagine tradizionale dell'eroe, la statua di Napoli ci mostra un Ercole pensoso ed introspettivo che, quasi dimentico del suo successo, sembra volerne nascondere le prove. Rinvenuta nel 1546 priva della metà inferiore delle gambe, essa fu restaurata dallo scultore Guglielmo Della Porta, allievo di Michelangelo. Anche dopo il ritrovamento di quelle originali, le gambe eseguite dal Della Porta restarono ad integrare la scultura fino alla fine del XVIII secolo. Esse sono attualmente esposte nella sala. L'attribuzione a Lisippo dell'originale greco che ha ispirato la replica romana è oggi generalmente accettata: la confermerebbero soprattutto gli aspetti stilistici della raffigurazione, caratteristici dell'epoca del celebre scultore greco, che sembra aver avuto l'eroe tra i suoi temi iconografici preferiti. Nelle Terme di Caracalla, all'Ercole Farnese faceva da pendànt un'altra statua colossale nota col nome di "Ercole Latino", oggi conservata nella Reggia di Caserta.

FORSE NON TUTTI SANNO CHE...la piccola dimensione dei genitali veniva considerata in Grecia una virtù, in quanto testimoniava la totale capacità dell'uomo di dominare le proprie pulsioni e i propri istinti. Una testimonianza che ci parla di questo aspetto della cultura greca classica è Aristofane nelle Nuvole.

domenica 24 giugno 2007

Reversa - Effets Secondaires

Le Chef Cuisinier



Le Jardinier



Le Plombier





sabato 23 giugno 2007

MICHAEL KILGORE - STUDIO 4496

Yvan Cournoyer Ocotillo 2004.


Taylor Glen San Diego 2004.


Josh Thompson Palm Springs 1995.


Jody Clark Toronto 2001.


Gregg & Jamie Ft. Lauderdale 2004.


Doug Zimmerman San Diego 2004.


Alan Reeves Palm Springs 1996.



giovedì 21 giugno 2007

CLASSIC BODYBUILDERS OF THE GOLDEN ERA.

Richard Bennett, early 1960s.


Paul Labriola modeled for Don Whitman's Western Photography Guild in the mid to late 1950s


Jim Dardanis with Dick Kiefer, 1950s.


Harold Adducci with Paul Labriola, 1950s.


Bill Cerdas, 1950s.


Bob Birdsong Mr. Los Angeles 1973.


mercoledì 20 giugno 2007

MIAMI LEVI on ModelMayhem.com

Photo by David Vance.


Photo by David Vance.


Photo by Rick Day Nyc.


Photo by David Vance.


Photo by David Vance.


Photo by Thomas Watkin.

Click here to visit the complete portfolio of Miami Levi on ModelMayhem.com.

sabato 16 giugno 2007

ERIC JEAN

Photographe amateur débutant intéressé par le "nu artistique et académique" couleur et n&b. N'ayant aucune compétence dans ce domaine, je fais "de la photo" par plaisir , en pur amateurisme et sans aucune prétention. Je remercie tous les modèles qui ont contribué à l'élaboration de ce site pour leur patience et leur gentillesse. (Eric Jean)







Click here to visit Eric Jean's Official Website.

TOM BIANCHI - ON THE COUCH


Click here to visit Tom Bianchi's Official Website.

mercoledì 13 giugno 2007

KAZUMA KODAKA


Kazuma Kodaka è una delle più famose autrici di shonen ai, conosciuta anche all’estero, ha conquistato con il suo stile inconfondibile numerossime lettrici. Il suo debutto risale al 1989 e da allora si è occupata esclusivamente di shonen ai. Un punto di forza delle sue opere è certamente l’abilità dell’autrice nel tratteggiare personaggi intensi e profondi, ben caratterizzati e strutturati. Ma anche la capacità di alternare e dosare con grande maestria scene comiche e scene intense per drammaticità o sentimento. Anche nelle sue opere più drammatiche (ad eccezione forse solo di midare somenishi) non manca mai il lato comico grazie a brevi scene divertenti ed esilaranti create attraverso semplici elementi. A questo bisogna aggiungere dei dialoghi intensi e coinvolgenti che rendono le sue opere dei veri capolavori. Parlando della Kodaka non è possibile non parlare dei suoi superdeformed (vedi figura a destra) che sono forse i più belli e espressivi di tutto il panorama dei manga. Proprio attraverso l’utilizzo di questa tecnica riesce a veicolare con estrema intensità un ampia gamma di emozione e rappresentare molteplici situazioni.
Per concludere, è certamente una delle colonne portanti del genere yaoi. Sebbene le sue opere seguano gli stilemi classici del genere le opere non risultano mai banali grazie anche alla giusta dose di romanticismo che permea tutte le sue storie. Per saperne di più rimando al seguente sito: www.gobyaoi.com.



GALLERY.